1941-42

Risultati   Classifica   Indice 

Il primo campionato sotto le bombe comincia tardissimo, il 26 ottobre, e finisce addirittura il 12 luglio.
Il Savona si salva con molto anticipo, però lo sport diventa sempre più difficile da praticare: la trasferta di Bari viene affrontata con soli 10 giocatori, gli spostamenti sono via via più complicati. Si stringono i denti e si cerca di continuare senza pensare alla situazione contingente.
I tempi si erano fatti molto difficili, la squadra era stata sì rafforzata da alcuni acquisti di prestigio come Buscaglia ed il mediano Venturini, ex di Spezia e Genoa, che poi sarebbe rimasto nella nostra città come impiegato dell’Ufficio Tecnico Erariale, lo jolly Zanni.
All’inizio il rendimento della compagine apparve all’altezza delle ambizioni: poi fuggì l’allenatore Orth, allontanatosi dall’Europa (destinazione il Messico) perché timoroso delle persecuzioni razziali (pare che la moglie fosse ebrea); la squadra fu affidata a Tomasi. Per fortuna la salvezza era stata conseguita in anticipo, perché il finale di campionato risultò disastroso: 2 punti nelle ultime 7 giornate!