1937-38

Risultati   Classifica   Indice 

Dopo due stagioni di assestamento l’annata 1937-38 vede gli striscioni, allenati sempre da Roggero, entrare prepotentemente in lotta per il primato nel girone: non ce la fanno, perché si impone il Casale “nobile decaduta”, ma si tratta di una stagione da ricordare, così ne recitiamo la formazione-base: Moretti; Testa, Morchio; Astengo, Bianchi, Canepa; Borgo, Vanara, Calcagno, Caviglia, Levratto.
Sì c’è Felice Levratto tornato dalle nostre parti dopo una folgorante carriera: 28 partite in Nazionale (poi Pozzo gli preferì il grande “Mumo” Orsi, il violinista argentino, tra i più grandi interpreti del ruolo nell’intera storia del calcio mondiale) e tanti anni di Serie A, con Verona, Genoa, Inter e Lazio. Nella stagione successiva “u sciu Felixe” interpreterà anche la parte del giocatore-allenatore e si tratterà di una delle stagioni più felici dei nostri anni.
Da rilevare che i biancoblù riusciranno nel piccolo record di pareggiare una sola partita in 30 giornate! In Coppa Italia gli striscioni superano tutti i turni eliminatori e pescano nel sedicesimi il Genoa, che vincerà di misura in Corso Ricci.
Le tre retrocesse saranno poi ripescate, in sostanza la stagione si chiude senza retrocessioni.