1921-22

Risultati    Classifica   Indice 

E’ l’anno della divisione fra FIGC e CCI: il 24 Luglio (giorno della finalissima del torneo precedente!) si svolge a Torino un’assemblea che deve discutere del “Progetto Pozzo”, riforma studiata dal futuro plurivincitore allenatore della nazionale, che in sostanza prevede l’abolizione dei gironi regionali per far posto a due tornei interregionali di maggiore livello tecnico. La FIGC rigetta il progetto seguendo le pressioni delle società più piccole e si produce lo scisma: viene creato dalle 24 società più importanti la Confederazione Calcistica Italiana, che ha sede a Milano.
Il Savona è una delle 24 dissidenti, il campionato CCI viene impostato sulla base della riforma di Pozzo e i biancoblù vengono inseriti in un girone interregionale in cui sono presenti (tra gli altri) Torino, Inter e Venezia.
Buono il comportamento degli striscioni che ottengono prestigiose affermazioni, tra cui spiccano quelle contro Inter e Torino: doppio 3-1 in via Frugoni.
Gli striscioni si classificano all’ottavo posto del proprio girone, allineando questa formazione: Falco, Ghigliano, Ciarlo, Perlo, Romano, Gaia, Roggero, Veglia, Hibbli, Cuttin, Chiabotto.