IL MESE PIÙ LUNGO
Data: Sunday, 30 October ore 09:10
Argomento: Quello che gli altri non dicono


Savona stretto fra Inferno e Purgatorio

Quello che va ad iniziare oggi è un periodo temporale stretto fra 6 gare, leggermente più lungo di un mese solare, nel quale il Savona si gioca buona parte del futuro della stagione: in queste sei giornate i biancoblù affronteranno quattro squadre di alta classifica, una di bassa e la mina vagante del girone, quel Finale per il quale vale la pena spendere due parole in più, poiché incarna lo spirito dilettantistico nel senso più puro del termine. Difatti, non è raro che i giocatori giallorossi debbano giostrarsi fra gli impegni lavorativi e quelli sportivi, a differenza di tanti loro omologhi pseudo-professionisti: tanto di cappello quindi a Buttu e alla sua “band” per quello che settimanalmente riescono a produrre.
Tornando al Savona, l'attenzione del mister (e anche dei tifosi) sarà sicuramente accentrata sulle risposte che sarà in grado di dare la squadra, una volta alzata l'asticella dei contendenti: leggendo le dichiarazioni dell'allenatore, infatti, non si possono non notare i continui richiami a situazioni di gioco mal gestite o atteggiamenti in campo a lui non graditi. Che non siano solo le solite parole di chi, per mestiere, deve sempre tenere alta l'attenzione all'interno dello spogliatoio, lo vede chiaramente chi segue gli incontri dei biancoblù: l'atteggiamento da bordo campo di Siciliano ricorda molto da vicino quello di Corda, quando “telecomandava” i suoi dalla panchina e s'infuriava se qualcuno non seguiva le consegne, segno che non tutto sta andando per il verso giusto (o almeno per il verso desiderato dall'allenatore). Segno, anche, che il mister sta ancora cercando di spremere dai giocatori che ha a disposizione tutto quello che possono dare. Se poco o tanto è un'incognita tutt'ora da scoprire.
Anche Siciliano appare abbastanza curioso di capire se la squadra è in grado, almeno, di galleggiare nell'anonimo centroclassifica attualmente occupato, grazie anche a un calendario finora benevolo. Certo se il trend delle prestazioni non subirà una brusca impennata, il rischio palpabile è quello di trovarsi invischiati in zone poco nobili della graduatoria, trasformando quella che doveva essere una squadra in grado di fare “bella figura” in una squadra in grado di fare “belle figure di ….”. E non c'è bisogno di specificare cosa va messo al posto dei puntini.





Questo Articolo proviene da SavonaClub.it
http://www.savonaclub.it/public

L'URL per questa storia è:
http://www.savonaclub.it/public/modules.php?name=News&file=article&sid=7144