Registrati Home  ·  La partita  ·  Campionato  ·  Classifica  ·  Statistiche
Il Club

·Chi siamo
·Il consiglio direttivo

Gallery

·Indice
·Le partite
·I protagonisti
·Tifo & Turismo
·Immagini & Ricordi
·I video
·Gli audio

Lo stadio che verrà


La storia del Savona

La storia del Savona
· Tutti i campionati
· Tutti gli avversari

Utenti online
In questo momento ci sono, 34 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Provenienza visite
free counters

News

·Archivio articoli
·Argomenti
·Cerca
·Invia news
·Top 10

Utility

·Web Links
·Tuo account
·Segnala SavonaClub.it
·Contatti
·AvantGo

Area Riservata

·Russopoli
·Le figurine del Corriere
·Il francobollo del 1959
·L'invito del 1947
·I "gettoni sport" D.E.A.
·La giostra dei foot-ballers
·La tessera del 1920
·La figurina del '42-'43
·Giochi on line

Meteo

Il Meteo di Savona
Clicca per vedere
by LIBERO.it

Viabilità
Autostrada dei Fiori SpA
Clicca per vedere

Autostrade SpA
Clicca per vedere

UNA SQUADRA, I SUOI LIMITI
Postato Tuesday, 21 February ore 21:01 di FabioParodi

Quello che gli altri non dicono

E tanta ipocrisia intorno



I limiti di questa squadra erano già ben chiari ad agosto, ma si è preferito far finta di niente. Sono passati i mesi e, aiutati da un campionato di livello indecente, ci si divertiva a far finta di voler puntare a qualcosa di “prestigioso”. Poi è arrivato il mercato invernale, dove chi ha sbagliato in estate ha la possibilità di riparare: per evitare discussioni non si è mossa foglia o quasi. Adesso che i nodi vengono al pettine si legge di finti dirigenti fintamente delusi, arrabbiati, scoraggiati ecc.
Delusi, arrabbiati, scoraggiati ecc. di che? Di non essere stati capaci di fare una campagna acquisti decente l'estate scorsa? Di non aver voluto rafforzare questa mezza squadra durante l'inverno? O di aver capito che il tempo delle prese per i fondelli è definitivamente finito e i pochi intimi che vanno a vedere il simil-Savona saranno sempre più pochi e sempre più intimi?
La squadra è quella che hanno costruito i fenomeni “dirigenti”: una squadretta dopolavoristica o quasi in cui l'unico professionista serio e vero è l'allenatore. Il resto è una truppa senza pretese, che non appena l'asticella si alza di un nonnulla entra immediatamente in affanno. Inutile prendersela con uno o con l'altro: i limiti, tecnici ma anche caratteriali, sono evidenti a tutti, non per niente sono state miseramente fallite tutte le occasioni per compiere il famoso “salto di qualità” che avrebbe dovuto portare a giocarsi la prima posizione. Occasioni che sono state fallite non per chissà quali complotti o ripicche (gli stipendi arrivano, anche se non con puntualità svizzera), ma perché questa squadra, così com'è, non è proprio in grado di dare di più. San(dro) Siciliano ha spremuto il limone finché ha potuto, ma anche lui a un certo momento ha dovuto alzare bandiera bianca: fosse in grado di fare miracoli probabilmente non starebbe qui ad allenare una squadra di calcio.
Piuttosto, invece che sugli encomiabili sforzi dell'allenatore o sulla disponibilità dei giocatori ad impegnarsi sempre fino al limite estremo delle loro possibilità, vediamo che le reazioni dei primi responsabili di questo scempio vertono sulla “delusione per il risultato”, sulla “mancanza di carattere della squadra” e cose simili: come se fossero tifosi qualsiasi, come se non avessero lesinato gli sforzi per allestire una formazione di primedonne, come se la squadra l'avesse fatta chissà chi e loro se la fossero trovata fra le mani, come se avessero mai avuto una qualsiasi ambizione oltre a quella di “ben figurare”.
Uno scaricabarile vergognoso da parte di gente senza vergogna alcuna che, adesso che il bluff comincia ad essere chiaro anche ai ciechi di professione, vorrebbe far credere di essere stata in qualche modo “tradita” nelle proprie ottime azioni da un'entità esterna: giocatori o allenatore, fate voi. Giusto per circondarsi di tanta ulteriore simpatia e avere un altro dito dietro cui nascondersi: quello di avere riposto fiducia in persone che non la meritavano.
E se smettessero di riempire di ipocrisie il vuoto cosmico che hanno intorno, se cominciassero a colmarlo di fatti? Troppo bello per essere vero, tanto da essere un sogno.


 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Links Correlati
· Inoltre Quello che gli altri non dicono
· News by FabioParodi


Articolo più letto relativo a Quello che gli altri non dicono:
QUELLO CHE GLI ALTRI NON DICONO


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 1.94
Voti: 18


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico


Argomenti Correlati

Quello che gli altri non dicono


 

© 2002 Copyright by "Savona Club Gazzano WebGroup"
www.savonaclub.it - Sito ufficiale del Savona Club Giuliana Gazzano
Savonaclub.it è attivo dal 11/07/2002, non ha periodicità regolare, ma è aggiornato secondo la disponibilità del materiale.
Hosted by "Aruba.it" - Created by "Savona Club Gazzano WebGroup"

PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.